Bebè steso sul papà
essere genitori

pelle a pelle: i neonati e i primi mesi.

3 minuti

Nel periodo precedente alla nascita del bebè, i neogenitori sono bombardati da ogni genere di informazioni su come far iniziare al meglio la vita del bambino o della bambina.

Sebbene ciò abbia i suoi vantaggi, i genitori potrebbero avere l'ansia di fare tutto ""alla perfezione"", anche per cose completamente fuori dal loro controllo.

Il contatto "pelle a pelle" (ovvero quando un neonato nudo è a contatto con il petto nudo della mamma o del papà) è considerato la priorità principale, fin dai primi istanti dopo la nascita.

Come ben sappiamo, non tutti i parti procedono secondo i piani, e il contatto pelle a pelle immediato potrebbe non essere possibile. Ad esempio, sia tu che il tuo bebè potreste aver bisogno di attenzioni più urgenti dopo il parto."

Il primo contatto con il tuo neonato

"Ho potuto tenere in braccio Devan per meno di un minuto dopo la sua nascita, perché aveva ingoiato molto meconio e i dottori volevano fare alcuni esami"", racconta Asha. ""Nei primi giorni facevo fatica ad allattarlo al seno e mi chiedevo se fosse dovuto alla nostra separazione dopo il parto. Poi ho cercato il più possibile di avere contatti pelle a pelle nelle settimane successive. Ora va tutto molto meglio".

Effettivamente il contatto pelle a pelle fa molto bene ai bebè (e ai genitori) durante le prime settimane e persino durante i primi mesi di vita. Ci saranno tante occasioni oltre ai momenti successivi al parto!

Benefici del contatto pelle a pelle

Nei primi mesi dopo la nascita del tuo bebè, prova a stare il più possibile in contatto pelle a pelle, anche se l'hai fatto fin dai primi momenti dopo il parto. Secondo l'NHS:

  • Regola respiro, battito cardiaco, livelli di ossigeno e temperatura del neonato

  • Rende più semplice l'allattamento al seno

  • Mantiene il neonato caldo e tranquillo

  • Riduce l'ingorgo mammario (l'accumulo doloroso di latte)

  • Riduce le probabilità di depressione post-partum.

Un'ostetrica mi ha consigliato di stare più a contatto con la sua pelle. Dopo qualche giorno, mi sentivo effettivamente più legato a lui, più paziente, e ho avuto più successo con la pappa.

Il contatto pelle a pelle aumenta anche la fiducia dei genitori nelle proprie capacità: è un aspetto importante: gli studi dimostrano che la percentuale di mamme sicure di sé nella cura del proprio bebè ha un calo di quasi il 10% nei giorni successivi al rientro a casa. Per altre informazioni sui benefici del contatto pelle a pelle, guarda il nostro film sull'argomento, qui.

Il contatto pelle a pelle aiuta anche i papà e i neonati

"Facevo fatica a nutrire Leah col biberon", racconta Matt. "Un'ostetrica mi ha consigliato di stare più a contatto con la sua pelle. Dopo qualche giorno, mi sentivo effettivamente più legato a lui, più paziente, e ho avuto più successo con la pappa".

E se ciò non bastasse, alcuni studi hanno dimostrato che il contatto pelle a pelle può velocizzare lo sviluppo del cervello dei bebè ed è particolarmente importante per i bambini prematuri, che devono passare una parte delle loro prime settimane di vita in un ambiente ospedaliero.

Genitori a letto col bebè

Ora l'unica cosa che ti resta da fare è coccolarlo alla grande. Cosa si può volere di più dalla vita?

Fonti:

  1. Royal Berkshire NHS. Maternity leaflet. Skin to skin contact (in inglese)

  2. The Irish Times. The benefits of skin-to-skin contact with your newborn (in inglese)

  3. WaterWipes. All your baby needs is you. (in inglese)

  4. Psychology Today. More Proof That Skin-to-Skin Contact Benefits Babies' Brains. (in inglese)

teniamoci in contatto.

Registrati per news e aggiornamenti.

Ricevi le ultime novita` dalla nostra community. Promettiamo di non mandarti troppe mail.

iscriviti